Breaking News

Carriera diplomatica, concorso per trentacinque segretari di legazione

FavoriteLoadingArticolo da Salvare

Ecco l’opportunità per iniziare la carriera diplomatica: il Ministero degli Affari Esteri ha indetto un concorso, per titoli ed esami, per trentacinque posti di segretario di legazione in prova.

Il segretario di legazione è il primo grado della carriera diplomatica, che vede il culmine nella figura dell’ambasciatore.  A questo ruolo si accede, appunto, “in prova” esclusivamente attraverso il superamento di un concorso pubblico.

Cinque dei trentacinque posti messi a concorso sono riservati ai dipendenti del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale.

La domanda va presentata entro venerdì 2 marzo 2018.

 

Requisiti

I requisiti per il concorso da segretario di legazione sono:

  • Cittadinanza italiana;
  • Età non superiore ai trentacinque anni;
  • Una delle lauree magistrali afferenti alle seguenti classi: Finanza (classe n. 19/S), Giurisprudenza (classe n. 22/S), Relazioni internazionali (classe n. 60/S), Scienze dell’economia (classe n. 64/S), Scienze della politica (classe n. 70/S), Scienze delle pubbliche amministrazioni (classe n. 71/S), Scienze economiche per l’ambiente e la cultura (classe n. 83/S), Scienze economico-aziendali (classe n. 84/S), Scienze per la cooperazione allo sviluppo (classe n. 88/S), Studi europei (classe n. 99/S), nonché la laurea Magistrale a ciclo unico in giurisprudenza (classe n. LMG/01) e ogni altra equiparata a norma di legge; oppure un diploma di laurea in: Giurisprudenza, Scienze politiche, Scienze internazionali e diplomatiche, Economia e commercio;
  • Idoneità psico-fisica tale da permettere di svolgere l’attività diplomatica sia presso l’Amministrazione centrale che in sedi estere e, in particolare, in quelle con caratteristiche di disagio;
  • Godimento dei diritti politici.

 

Selezione

Il concorso si articola in:

  • prova attitudinale;
  • valutazione dei titoli;
  • prove d’esame scritte e orali,
  • eventuali prove facoltative di lingua.

La prova attitudinale è volta ad accertare la capacità del candidato di svolgere l’attività diplomatica, con particolare riferimento alla conoscenza delle materie oggetto di concorso inclusa la lingua inglese e alla capacità di logicità del ragionamento.

La prova attitudinale consiste in un questionario composto da 60 quesiti a risposta multipla, della durata di 60 minuti, riguardanti:

  • storia delle relazioni internazionali a partire dal congresso di Vienna;
  • diritto internazionale pubblico e dell’Unione europea;
  • politica economica e cooperazione economica, commerciale e finanziaria multilaterale;
  • lingua inglese, senza l’uso di alcun dizionario, su tematiche di attualità internazionale;
  • test per l’accertamento della capacità di logicità del ragionamento.

La prova scritta riguarda questi argomenti:

  • storia delle relazioni internazionali a partire dal congresso di Vienna;
  • diritto internazionale pubblico e dell’Unione europea;
  • politica economica e cooperazione economica, commerciale e finanziaria multilaterale;
  • lingua inglese (composizione, senza l’uso di alcun dizionario, su tematiche di attualità internazionale);
  • altra lingua straniera scelta dal candidato tra le seguenti: francese, spagnolo e tedesco (composizione, senza l’uso di alcun dizionario, su tematiche di attualità internazionale).

La prova d’esame orale verte sulle materie che hanno formato oggetto delle prove d’esame scritte, nonché sulle seguenti materie:

  • diritto pubblico italiano (costituzionale e amministrativo);
  • contabilità di Stato;
  • nozioni istituzionali di diritto civile e diritto internazionale privato;
  • geografia politica ed economica.

Per la lingua inglese e l’altra lingua straniera scelta, il candidato sostiene una conversazione su tematiche di attualità internazionale.

I candidati possono chiedere, nella domanda di ammissione al concorso, di sostenere prove facoltative orali in una o più lingue straniere ufficiali, diverse da quelle in cui hanno sostenuto le prove scritte. Le eventuali prove facoltative di lingua straniera sono sostenute dai candidati al termine della prova d’esame orale.

 

Domanda

Il candidato invia la domanda di ammissione al concorso esclusivamente per via telematica, compilando il modulo on-line qui a questo indirizzo internet.

La domanda va presentata entro venerdì 2 marzo 2018.

 

Bando

Si può scaricare il bando del concorso qui a questo link.

 

Quiz e testi consigliati

Per esercitarsi, ecco alcuni quiz per i concorsi pubblici.

Consigliamo anche questo libro su “Test psicoattitudinali per tutti i concorsi pubblici”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.